Arredamento negozio abbigliamento vintage

arredamento vintage

Avete deciso di aprire un negozio di abbigliamento che, attenzione, non tratta gli articoli degli anni duemila, bensì un tipo di vestiario che fa un tuffo nel passato riportando la dicitura cosiddetta vintage che non viene mai del tutto superata.

Naturalmente, anche l’arredo del negozio deve essere curato ed in stile. In questo ci può esse di grande aiuto COMAR Sistemi , che con il suo staff altamente qualificato , è in grado di consigliare , progettare e realizzare l’intero progetto.

ATTENZIONE ALLE EPOCHE

arredamento vintage

Il vintage è tutto ciò che ha a che fare con il ventesimo secolo quindi può abbracciare sia gli anni ’20 che gli anni ’90. Tutto questo per capire se vogliamo mescolare le epoche nel nostro negozio, oppure concentrarsi solo su una.

Trattandosi di un negozio di abbigliamento è sicuramente consigliabile variare le epoche, mescolare un po’ gli stili e la moda che hanno determinato gli anni scorsi e allora, si può fare nello stesso modo con l’arredamento facendo attenzione, però, a non strafare e creare miscugli di stili inguardabili.

Via libera, quindi, alla creazione di angoli di epoca diversa: mobiletti anni ’20 per un abbigliamento dell’epoca che prevede cuffiette e piume; un misto pop per gli anni ’80 che caratterizzeranno l’angolo di jeans e spallline imbottite e così via.

IL BANCONE

Stabiliti i piccoli angolini dell’abbigliamento dove saranno abbinati gli arredi di epoca corrispondente, studiamo la zona del bancone, quella dove lavorerete e riceverete i pagamenti dei clienti.

L’ideale sarebbe ricreare un’atmosfera più neutrale che si discosti un po’ dal vintage per eccellenza. Un esempio è un bancone di vetro sorretto non dal metallo ma dal legno così da risultare più antico ma non troppo ed adornarlo con ninnoli vintage: uno specchietto d’altri tempi, un piatto gingillo con dentro tanti anelli di varie epoche, una piccola radio vintage colorata, vecchie latte ecc…

tavolo in vetro

I CAMERINI

Un negozio di abbigliamento che si rispetti prevede naturalmente i camerini per far provare ai clienti i vestiti scelti.

Qui ci si può davvero sbizzarrire con un vintage bello, arioso, evocativo e simpatico per il quale bisogna stabilire preventivamente solo il colore base. Una volta che si è convinti di ciò che si vuole proporre, si può passare alla scelta di tende, tappeti, specchi e sgabellini.

Le tende: queste sono il primo impatto con la zona delle cabine prova per cui sceglierle con cura facendo attenzione a non scurire l’ambiente. Privilegiare cerchi o disegni astratti tipici vintage ma con colori vivaci. Lo stesso discorso vale per i tappeti all’interno delle singole cabine.

Gli specchi, invece, possono variare da camerino a camerino così da mescolare un po’ il retrò con specchi che appoggiano a terra, con quelli da parete più moderni.

Infine, per quanto riguarda gli sgabelli dove i clienti potranno accomodarsi durante le prove degli abiti, si può variare da un vintage duro, stile anni ’90, ad uno più chic e romantico con rivestimenti ed imbottiture stile anni ’50 o ’20.

fabio

View more posts from this author