Patologie ed interventi effettuati in ortopedia a Bari

Strutture ortopediche a Bari

L’ortopedia a Bari è un’importante branca della medicina sempre in costante aggiornamento anche perché tratta numerose patologie all’apparato osteoarticolare che possono avere origini molto diverse tra loro.

Se l’ortopedia volta a trattare problemi di origine traumatica è di sicuro rilevante e copre una casistica importante, non può essere trascurata l’ortopedia volta a correggere problemi di tipo congenito o patologie degenerative.

Quali patologie vengono trattate nel campo ortopedico a Bari?

Negli ultimi due casi può anche parlarsi di malattie ortopediche, esse sono molto frequenti e comprendono ad esempio artrosi dell’anca, del ginocchio e meniscopatie. Tutte queste patologie sono caratterizzate dal dolore che diventa nel tempo una costante e dalle difficoltà del movimento.

Se in passato il trattamento prevedeva tempi di guarigione molto lunghi, grazie alle nuove tecniche di intervento questi sono stati ridotti. L’evoluzione dell’artroscopia dell’anca è solo uno dei casi in cui vengono ridotti i tempi di recupero post operatorio.

Strutture ortopediche a BariQuesto intervento di ortopedia a Bari prevede che siano eseguite piccole incisioni di un centimetro all’altezza dell’anca posta in trazione, attraverso queste vengono inserite microtelecamere (artroscopio) che trasmettono le immagini al monitor del pc, permettendo così al chirurgo di intervenire con una visuale ottima, pur senza dover effettuare incisioni rilevanti. Questa tecnica viene eseguita per alcuni disturbi come il conflitto femoro acetabolare, non è, invece, indicata nel caso in cui la cartilagine sia molto rovinata e necessiti una vera e propria protesi dell’anca. Prevede l’anestesia generale, ma un ricovero di durata ridotta ed una fase riabilitativa meno dura rispetto alle tecniche tradizionali. E’ necessario l’uso delle stampelle per alcune settimane, ma la riabilitazione inizia fin dal momento delle dimissioni e quindi i movimenti, seppur limitati, vi saranno da subito.

L’innovativa tecnica degli interventi con artroscopia può essere usata anche nel caso in cui si debba intervenire sul menisco, ad esempio, in caso di lesioni al menisco, ai legamenti (frequenti in coloro che esercitano attività sportiva), lesioni alla cartilagine o instabilità della rotula. Anche in questo caso il recupero post operatorio è più veloce rispetto al caso in cui si operi a cielo aperto.

Importanti evoluzioni si hanno anche nel caso di spondilolistesi, una patologia che può essere congenita oppure può sopravvenire in età adulta. Si tratta di uno scivolamento di una vertebra rispetto all’altra. Oggi è possibile intervenire in molti casi attraverso l’artrodesi che stabilizza la colonna vertebrale riducendo i disturbi, anche in questo caso le nuove tecniche permettono un recupero meno difficoltoso rispetto al passato e l’uso di materiali biocompatibili evita il rischio di rigetto.
L’ortopedia di Bari non si occupa solo di questo tipo di problematiche che necessitano di interventi operatori, ma anche di prevenzione come, ad esempio, nel caso dell’osteoporosi, o fragilità ossea. Questa patologia è caratterizzata dalla scarsa mineralizzazione dell’osso e quindi da una conseguente fragilità che può portare lesioni alle ossa e soprattutto alla colonna vertebrale.

In questo caso il compito dello specialista in ortopedia, dopo aver eseguito esami specifici come la MOC (mineralometria ossea computerizzata) che misura la densità ossea ed esami del sangue, provvede a prescrivere degli integratori di calcio e altri sali minerali come il magnesio e la vitamina D che aiuta la sintesi del calcio.

Staff

View more posts from this author